fbpx google-site-verification=pd7qhz7qB8qhHvCbw2Og3hgRPWtSHExvNwcdIbeSmig

Costellazioni quantiche: in questo periodo le incognite lavorative ci mettono sotto pressione in un modo e nell’altro. C’è chi è preoccupato per il ritorno alla normalità (sì … ma poi … quale normalità?).

 

Effettivamente a livello economico ci sono sicuramente state delle ripercussioni e ancora non siamo in grado di sapere come si ripercuoteranno nella nostra quotidianità.

Ci sono aspetti molto diversi a seconda del tipo di lavoro che stiamo svolgendo. Nella prima costellazione abbiamo proprio osservato il punto di vista di un’azienda.

Ci mostra il fatto che questa emergenza covid-19 è anche per lei “una prima volta” e che ora è tempo di rivalutare anche dal punto di vista imprenditoriale cosa è meglio fare e eventualmente CAMBIARE.

In risposta alla preoccupazione del suo impiegato che ha richiesto la costellazione, risponde di stare tranquillo e di seguire il movimento restando aperto ad un nuovo ruolo. In effetti noi tendiamo a tradurre il presente in base alle nostre esperienze passate quando nel momento attuale non abbiamo basi per poter prevedere l’andamento del prossimo futuro.

Dal momento in cui si propone un cambiamento nella tua vita, ti apri alla possibilità di un NUOVO INIZIO senza basi egoiche? Riesci ad affidarti a ciò che è predestinato a te e vedere al di là dei semplici avvenimenti in affidamento ad un disegno più grande e misterioso che si muove per il tuo massimo bene? Quante volte ci è successo nella vita di soffrire per una situazione spiacevole e dopo un po’ di tempo renderci conto che in effetti era giusto così ed è stato in realtà un miglioramento nella nostra vita? Il criceto mentale (ego) crea pensieri depotenzianti per renderti immobile, l’amore invece cosa ti direbbe in questa situazione?

Seguendo questo filo logico nella successiva costellazione si presenta nel campo l’energia del CONTROLLO con la sua presenza pesante e piena di giudizio. Quando ci affidiamo al controllo lui non esita ad accollarsi tutte le RESPONSABILITÀ che gli affidiamo con grande sacrificio e quella sicurezza presuntuosa che ci affascina. Lui sa, lui pensa, lui giudica, lui soprattutto fa finta di proteggerci ma ci incastra in un logorio mentale senza fine che ci limita nei movimenti e nella percezione della nostra vera potenza. Il controllo, come anche l’ego, non è negativo dal momento in cui riesci ad ACCORGERTI del ruolo che hai deciso di accogliere.

È uno strumento da usare, non una forma di protezione. Sei consapevole dei ruoli che hai nella tua vita? Riesci ad entrare in un ruolo e ad uscirne in modo consapevole? Ti accorgi quando ti poni dei limiti non tuoi che ti ostruiscono il LIBERO FLUIRE del tuo PERCORSO TERRENO?

Passiamo all’energia potente che è entrata in scena nella terza costellazione. Il ruolo della MAMMA autorevole (non autoritaria) che in questo periodo è particolarmente sotto pressione attraverso molte donne costrette ad occuparsi di compiti e responsabilità ancora maggiori.

Il campo ci consiglia di prendere coscienza dei nostri figli, di ciò che mostrano, delle loro strategie, delle loro reazioni, di ciò che mostrano in modo naturale e schietto.

Sei in grado di gestire una situazione osservandola dall’alto anche in maniera DIVERTENTE?
Riesci a stare centrata anche quando c’è il CAOS attorno a te?
Riesci a non pretendere da te stessa una modalità uguale a prima quando all’esterno tutto è cambiato?

Osserva CONSAPEVOLMENTE ciò che ti viene proposto e sorridi con TENEREZZA al desiderio di ognuno di noi di ESSERE VISTO e COMPRESO.

In ultimo, ma non da ultimo, la costellazione dove L’EVOLUZIONE SPIRITUALE e il nostro RADICAMENTO RISICO non sono equilibrati. In questi ultimi anni abbiamo lavorato tantissimo su noi stessi, sul cuore, sulla connessione tra tutto e tutti, sulla nostra parte spirituale che ci ha chiesto a gran voce di essere vista, riconosciuta e allenata per sentirci parte del tutto in armonia. Durante questo percorso a volte tralasciamo un’altra parte altrettanto importante: il CORPO, la nostra ANORA che ci fa camminare in questo tragitto terreno che abbiamo scelto per  arricchire il nostro spirito di nuove esperienze e quindi informazioni. Il sentire passa attraverso la fisicità, come una radio che trasmette le FREQUENZE che riceve (i nostri pensieri, le nostre emozioni).

Ci mostra limiti e squilibri che sono preziosi, ci comunica a volte con dolore e altre volte col piacere, quali situazioni sono più sane per noi e quali meno. Per esempio in situazioni di stress il corpo non tarda a farvi sentire la stanchezza, la pesantezza, la fatica nei più svariati modi. Se non ci fosse lui a richiamare la vostra attenzione, vi mettereste in gioco allo stesso modo per CAMBIARE le cose? Se lui non si prendesse la responsabilità di frenarvi in certe situazioni pericolose, sareste in grado di dire di no come lo fate grazie a lui? L’evoluzione spirituale non è solo introspezione, bensì anche AZIONE, DETERMINAZIONE, SCELTE spinte anche dal nostro bisogno materiale, fisico.

La nostra anima abita in un TEMPIO che ha tutti i diritti di essere equamente apprezzato, curato e accolto con AMORE. Non dimenticare quella parte di te più terrena e soprattutto non sminuirla.

Le tue sensazioni fisiche sono altrettanto importanti, soprattutto nel GODIMENTO di ciò che il corpo ti può regalare con estrema GENEROSITÀ. È un REGALO che ti è stato concesso per essere COMPLETO/A.

 

“La bellezza è mescolare in giuste proporzioni il finito e l’infinito.”

(Platone)

 

 

Con amore e riconoscenza, grazie per ogni costellazione.

Sonia