fbpx google-site-verification=pd7qhz7qB8qhHvCbw2Og3hgRPWtSHExvNwcdIbeSmig

Il problema in superficie è l’ATTACCAMENTO e la MANCANZA che in realtà vanno bene perché ti spingono ad AGIRE. Il vero problema però è desiderare che tutto sia PERFETTO e risolto perché non avrebbe nessun senso vivere una vita senza fare ESPERIENZE che ci spingono ad EVOLVERE.

Non smetteremo mai di DESIDERARE di più e va bene. Noi vogliamo ESPANDERCI e anche questo va bene. Il problema è come decidi di farlo e dove incanali la tua ATTENZIONE e la tua ENERGIA. Se ti identifichi con la materia vorrai sempre più materia, se ti concentri sull’AMORE otterrai sempre più AMORE.

Ma … riesci a vederlo in ogni cosa o ti limiti a ciò che CONOSCEVI fino a ieri?

Se riesci ad uscire dal possesso psicologico riesci a diventare ILLIMITATO/A.
Riesci prima di tutto a concepire il fatto che SEI ILLIMITATO?

Ognuno di noi riesce ad arrivare solo al confine dei suoi limiti e quindi è necessario concentrarsi sull’ESPANSIONE dei propri confini.

Cosa ti rende FELICE? Cosa stai FACENDO per essere FELICE? Cosa NON stai facendo?
Ogni esperienza ed ogni emozione creano una NUOVA REALTÀ e nuove ombre. In che modo ti stai prendendo CURA della tua realtà? Stai osservando e RISOLVENDO le tue ombre per espandere i tuoi confini?

Un vecchio saggio un giorno disse “tutti vogliono coltivare sogni, ma pochi sono disposti a zappare”.

Un abbraccio,
Sonia