fbpx google-site-verification=pd7qhz7qB8qhHvCbw2Og3hgRPWtSHExvNwcdIbeSmig
emozioni e sensazioni

Ti capita di fare confusione tra emozioni e sensazioni?
Per alcuni accade perché nessuno gli ha insegnato ad esprimere quello che provano nel modo più adatto. Intendiamoci, non esiste un modo corretto o errato per comunicare agli altri cosa abbiamo dentro, ma spesso può capitare di rispondere ad una domanda riguardante emozioni e sensazioni non centrandone il punto.

“In che senso?”
Facciamo finta che tu stia attraversando un momento particolarmente doloroso e che decidi di parlarne con un amico. Sei seduto di fronte a lui e inizia questo dialogo:

“come stai?”

“non sto per niente bene… ultimamente sono a terra e non vedo l’ora che questo periodo finisca!”

“cosa succede? come ti senti?”

Ti rendi conto di dover comunicare ad un livello più profondo, sai che non basterà raccontare l’evento che ti sta facendo soffrire in quel momento e prosegui così…
“è difficile da spiegare … mi sento stanco, confuso, esausto e triste!”

A questo punto arriva la domanda più difficile di tutte…

“come mai? Cos’è che ti fa sentire così? Quali emozioni stai provando?”

Vuoto … caos… la mente conscia va in tilt e cerca risposte analitiche senza successo
Ecco, se prima era già complicato esprimere le tue sensazioni, figurati ora doverle associare a delle emozioni!

In questo caso quello che l’altro ti sta chiedendo non è di descrivere l’accaduto o in che modo lo stai affrontando. Ti sta chiedendo di distinguere dentro di te quale emozione (es. rabbia, paura, disgusto, gioia o tristezza) stai provando!
Effettivamente, dietro alla confusione, che emozione si nasconde? La paura? La tristezza?
Scavare dentro di te e dentro le tue percezioni ti permetterà di comprendere meglio quello che stai provando e sicuramente ti permetterà di migliorare sia la tua comunicazione con gli altri sia la tua visione di ciò che sta accadendo.

Quando stai attraversando un momento particolare prova a fare questo esercizio:
“chiediti cosa stai provando e quale emozione assoceresti a quella sensazione”
Sarà difficile all’inizio, ma vedrai che con il tempo imparerai a distinguere le emozioni che provi molto più facilmente. Diventerà più facile capire quello che senti e sarai anche in grado di affrontarlo meglio.
Altri esempi … come stai?
“mi sento in trappola e ho paura di non riuscire ad uscire da questa situazione”
“mi sento un fallimento totale e sono arrabbiato per essermi trovato di nuovo in questa situazione”
“mi sento sopraffatto dagli eventi e sono talmente felice che mi sembra che non sia vero. Ho paura che succeda qualcosa che mi porterà via tutto questo”
“sul lavoro mi sottovalutano e continuano a darmi attività che mi svalutano. Provo disgusto per il mio capo e anche per me che non riesco a reagire a questa situazione”

(Tratto e ispirato da un testo della Dott.ssa Caterina Battimiello)