fbpx google-site-verification=pd7qhz7qB8qhHvCbw2Og3hgRPWtSHExvNwcdIbeSmig

Da anni pratico le costellazioni quantiche, ma ogni volta mi tuffo con stupore ed entusiasmo in questo mondo magico e immensamente amorevole. Amo infinitamente il mio lavoro e allo stesso modo amo le persone che con coraggio si mettono in gioco per migliorare la realtà!

Nelle costellazioni avete portato due temi importantissimi: le relazioni e l’abbondanza.

Abbondanza

Nella prima costellazione abbiamo osservato come l’abbondanza sia collegata direttamente al valore che noi diamo a noi stessi ed è interconnessa anche con il nostro albero genealogico (storia familiare), in questo caso il ramo femminile.

Il denaro è un’energia come le altre e ha bisogno di essere visto e sostenuto per potersi mostrare anche nella materia. Infatti la prima cosa che ha detto è “tu non mi vedi”.

All’inizio c’erano dei pesi che bloccavano il flusso e le energie mostravano squilibrio (“mi gira la testa”, “mi sento frastornato, ubriaco”), ma portando armonia attraverso la dovuta attenzione che chiedevano sia il valore di sé, sia l’abbondanza, abbiamo potuto trasformare l’iniziale confusione in STABILITÀ.

La costellata ha preso la responsabilità di focalizzarsi sul suo grandissimo valore per far crescere l’energia dell’abbondanza.

 

Relazioni

Nella seconda costellazione avevamo in campo le relazioni sane, il cuore e la mamma.

Il cuore ribadisce che ha un muro davanti che non gli permette di sentirsi a suo agio. Le relazioni sane invece sono bloccate da un peso sullo stomaco. La mamma si mostra ansiosa e se guarda la costellata aumenta la paura.

Abbiamo visto che staccando i ganci con la madre – “spiacevole ma andava fatto” dice la costellata – le altre energie si sentono più libere di esprimersi e le relazioni si mostrano disponibili verso il cuore che invece è ancora titubante.

Abbiamo chiuso la costellazione con la consapevolezza che ci vogliono i giusti tempi ed i giusti ritmi per riabituarsi ad aprire il cuore e liberare le percezioni emotive nel rispetto di un percorso che ha bisogno di tempo e disciplina.

La costellata ha preso la responsabilità di allenare le percezioni del cuore e abituarsi sempre di più ad aprirlo e mostrarlo al mondo.

***

Alla fine delle costellazioni ero davvero meravigliata della facilità che avete mostrato nel collegarvi alle energie e vi assicuro che non è sempre così 😊. Calcolando poi che per quasi tutti era la prima volta, dovete davvero essere fieri di voi! Siete eccezionali!! Non sottovalutate questo vostro meraviglioso talento!

***

Grazie per la fiducia, per la vostra apertura, per l’amore che avete portato e con il quale ci siamo tutti arricchiti. Lasciate agire le energie e portate con voi la consapevolezza della stupenditudine che siete! 😊

 

Vi lascio con un testo a me molto caro che può ispirarvi per proseguire il vostro percorso:

“Qualsiasi persona può ingannarti con la parola, con le maniere, con la conoscenza, con intenzioni meravigliosamente camuffate, con la mimica, la pantomima, il comportamento, ecc..ecc

Ma nessuno può ingannarti con l’energia.

Quando impari a sentire la persona di fronte a te e leggi l’energia, niente più può ingannarti.

Non ci è stato insegnato a concentrare l’energia su persone, luoghi, situazioni e circostanze della vita.

L’energia non mente mai per la semplice ragione che non può.

Se vuoi conoscere il segreto dell’Universo, pensa in termini di energia, frequenza e vibrazione.”

Nikola Tesla